Rispondi a: Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …

Home/Il Forum della Schola/Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …/Rispondi a: Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …
mandragola11
Partecipante
Post totali: 652

…con i cocci e le cicatrici mi avete fatto venire in mente ciò che succede in natura col terremoto: ferite, lacerazioni, rovine… certamente un cambiamento di forma che si può vedere ad occhio nudo, come è successo ad esempio in Umbria…
Ma osservando più in profondità e/o su piani diversi un evento come quello, possiamo supporre che ci sia stato lo sprigionarsi o il manifestarsi di forze e di energie con un loro perchè, con un loro senso intelligente che avevano bisogno di quello x venire fuori?
Guardiamo gli Italici, in primis gli Etruschi come interpretavano i segni della Natura Mater, i segni di un Tutto in cui si specchiava e si rifletteva l’essere umano inglobato.
Per noi, come giustamente dite Wiwa e Angelo è uguale, perchè pian piano diamo ermeticamente un senso al nostro vissuto, più o meno intenso doloroso o gioioso, per superarlo andando oltre le contingenze di questa esistenza…
x ora la vedrei così…
Buon Giovedì al Forum, in particolare alla Direzione!

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy