Rispondi a: Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …

Home/Il Forum della Schola/Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …/Rispondi a: Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …
garrulo1
Partecipante
Post totali: 434

Bello Mandragola il monologo di Syusy Blady. Siamo sempre lì. Questo è argomentato come l’Innno a Inanna, questa Dea dai mille nomi ma che è sempre la stessa. Trasfigurata poi al maschile durante tutti i millenni di oscurantismo patriarcale. Lo dice Syusy nel monologo, Lei è l’inizio e la fine, (l’alfa e l’omega abbinate successivamente alla figura di Cristo), è tutto e l’esatto contrario, figlia, ma anche madre del padre di se stessa, la sposa e lo sposo nel contempo, e così via!! Inno tutto al femminile, dedicato alla Dea Madre dalla Sacerdotessa Enheduanna, in Missione per l’esercizio di tale ministero nel nome della Dea! Nella Ur mesopotamica, questa volta la Dea Madre si chiamava Inanna, ma credo di poter dire che assume tutte le sfaccettature in relazione ai tempi ed alle latitudini, ma sempre quella è!! E’ la Coscienza Originaria (da cui tutto trae origine) ed è il Principio Femminile che regge l’universo/a, e faccio una riflessione “ad alta voce”, forse che in Origine, per l’esigenza ontologica di contemplare se stessa, come guardandosi allo specchio, per riflessione si sdoppia, e da lì trae origine tutta la creazione, basata su di una operazione di dualità, così la Monade Iniziale comincia a frazionarsi, ma ogni frazione conserva l’Impulso di tornare a Lei, alla Creatrice. E guarda caso, anche nella Tradizione Cattolica, Anna è la Madre di Maria, la prima concepisce senza il Mestruo, la seconda senza alcun concorso esterno a se stessa, entrambe in uno stato di Purità Ideale. E poi la Adda Nari Indiana, che il M. Kremmerz cita in alcuni suoi scritti, la “Iside Nera”, con 4 braccia perché è padrona degli elementi, con il latte della Conoscenza che scorre abbondante per chi se ne rende degno, con intorno al collo il Serpente, rappresentazione Simbolica della Fonte della Vita, (Uno il Serpente, Una la Vita, ma la lingua si biforca nella proiezione dell’incanto, ha scritto a suo tempo il Maestro Kremmerz)!
Mi sono un pò dilungato, ma queste riflessioni, sperando di non andare troppo fuori tema, male non fanno, ho notato che alcune cose mi rimangono nel tempo meglio impresse, sempre suscettibili di variazioni, ci mancherebbe, man mano che si procede lungo il cammino e si tenta, a tentoni, di ampliare la Conoscenza!
Un caro saluto a tutti ed una Buona giornata.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy