Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica

Home/Il Forum della Schola/I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica/Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica
mandragola11
Partecipante
Post totali: 633

Alla tua interessante domanda, Tanaquilla, mi verrebbe di rispondere che forse, essendosi mantenuta fino ad oggi in Sardegna una società di tipo agro-pastorale, matrilineare e matrifocale, dove l’uomo in continua transumanza non si è mai occupato dell’impianto sociale e familiare di cui invece si è occupata la donna, si è potuto tramandare di madre in figlia il culto e il rispetto del ‘Femminile’ in quanto donna/dea…a 360°… senza troppe intromissioni o stravolgimenti.

p.s. Quando anni fa, che stavamo mettendo a fuoco gli input della Del+Gen+ sulle tradizioni mediterranee, ebbi modo di parlare con un’amica sarda nota avvocatessa sul ruolo della donna nella società nuorese di oggi, lei mi rispose che era la donna la regista della società sarda e non l’uomo, lei che si occupava della gestione patrimoniale e dei figli e che per la sua esperienza, perfino in tribunale la testimonianza di una donna valeva di più…
x dire la persistenza: nel 2020, dopo 70 anni, la Regione Sarda a statuto speciale ha fatto la Riforma agro-pastorale.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy