Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE
Alef2006
Partecipante
Post totali: 205

Un paio di commenti sui temi molto interessanti che Admin ha sottolineato e che le Sorelle e i Fratelli hanno ripreso (scusate il post lungo):

1) non sono medico ma faccio parte della comunità scientifica profana. I ricercatori seri sanno benissimo che le proprie conclusioni restano verosimilmente valide sino a quando regge l’impalcatura di ipotesi alla base delle proprie indagini. Qualsiasi teoria e/o sperimentazione è sempre affetta da errori (talvolta quantificabili statisticamente)
e quindi bisogna saper far un buon uso dei risultati così detti scientifici per raggiungere risultati solidi e di qualche utilità. Questo resta vero in ogni campo. Nel campo della medicina poi il tutto si complica perché la natura dell’uomo resta ignota alla scienza profana e quindi si procede per approssimazioni successive per quello che mi pare di capire. Dal mio punto di vista (molto poco autorevole) essere consapevoli dei limiti della scienza profana è essenziale per non cadere misticismo scientifico. In egual misura, si può asserire che essere consapevoli delle potenzialità della scienza profana forse può aiutare a non cadere nel misticismo anti-scientifico? Tra queste due polarità cristallizzate Admin ci ricordava di trovare il Bene se ho interpretato a dovere il Suo messaggio.

2) Spesso applicando la nostra capacità di giudizio autonomo ci si sente contro-corrente. Tuttavia (sempre secondo il mio parere per nulla autorevole) essere contro-corrente non è un punto di arrivo o un traguardo o un motivo di vanto. Io vorrei essere sopra la corrente profana perché se sono contro significa che sono ancora immerso in essa.

Vi Abbraccio con affetto

Alef

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy