Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE
catulla2008
Partecipante
Post totali: 244

Mi sono spesso chiesta cosa sarebbe di noi se tutte le Sorelle e i Fratelli più avanti nel cammino, le Superiori Gerarchie, dovessero intervenire a rintuzzare e correggere ogni nostro errore secondo la mentalità comune e con la visione volgare di ciò che è l’insegnamento: ebbene credo che saremmo presto ridotti a gregge o a ciurma, e comunque non saremmo nella Fratellanza di Miriam. In effetti l’Amore nella Schola ha valenze diverse rispetto a quanto volgarmente si conta, si dice e …si prescrive.
La cosa meravigliosa, la cosa ‘grande’, è che nella Schola anche, anzi soprattutto, i più avanzati nel cammino si rivolgono sempre al Nume(ro) di ciascuno, là dove la materia vivente individuata dispone non già gli eventi della vita ma la nostra reazione ad essi. E quanto più si procede verso la nostra Causa, e se ne cerca la Voce con gli strumenti messi a disposizione dalla Schola, tanto più si cresce e si trova ciò che è giusto: non l’assoluto, ma il giusto per ciascuno ai piedi del proprio Nume, sia che lo intenda (nei casi più evoluti) o che non lo intenda (nei più); e questo vale anche per chi nella Schola non è, ma alla Miriam si rivolge chiedendo e anelando a quel Nume (che ne sappia l’esistenza o che la ignori, o che chiami il Nume con appellativi quali ‘spirito tutelare’ angelo custode’ o quanti e quali altri esistano).
Facciamo il nostro Bene? Ottimo. Facciamo il nostro danno? Impareremo dall’errore. Se come miriamici operiamo e tali ci sentiamo – siamo uniti in questa tensione al Centro, quale che sia il percorso.
In tale piccola consapevolezza guardo alla mia esperienza, non solo per quanto concerne il Covid (le morti, i dissapori, le percepite ingiustizie, la solitudine, il dolore, la paura) e ringrazio per questo gancio in mezzo al Cielo che da un quarto di secolo è stata la mia protezione, il mio rifugio, il mio monito, la mia Canossa, e – perché non dirlo? – anche il mio paradiso di tanti momenti.
Grazie a Chi è il nostro Anello imprescindibile, a Chi ci è di esempio, di conforto, di consolazione. Un abbraccio a Tutti/Tutte uniti nell’Idea.
Buon Ferragosto verso la LUCE!

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy