Rispondi a: Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …

Home/Il Forum della Schola/Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …/Rispondi a: Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …
kridom
Partecipante
Post totali: 153

Mi è piaciuto molto il testo della canzone della Vanoni e provo a dare un contributo con Viva La Vida dei Coldplay, che per me significa che soltanto nel momento in cui comprendiamo che i valori evidenziati come importanti dalla società profana sono basati su castelli di sabbia, solo allora abbiamo una possibilità di cominciare a vivere, connettendoci con la Miriam.
Ecco anche la traduzione del testo in italiano:
Una volta dominavo il mondo
I mari si sarebbero aperti se solo avessi proferito parola
Ora al mattino dormo da solo
Spazzo le strade che una volta possedevo

Una volta decidevo il destino facendo rotolare il dado
Percepivo la paura negli occhi dei miei nemici
Ascoltavo la folla che cantava:
“Ora il vecchio re è morto! Lunga vita al re!”
Un attimo prima avevo la chiave
Quello dopo le mura si sono chiuse su di me
Ho scoperto che i miei castelli si ergevano
Su pilastri di sale e pilastri di sabbia

Sento le campane di Gerusalemme suonare
I cori della cavalleria dei Romani cantare
Siate il mio specchio, la mia spada e il mio scudo
Missionari in terra straniera
Per un qualche motivo che non so spiegare
Dopo che ve ne siete andati non c’è mai più stata
Mai più stata una parola onesta
Ed era quando dominavo il mondo

C’era un vento malvagio e feroce
Buttava giù le porte per farmi passare
Finestre mandate in frantumi e il suono dei tamburi
Le persone non riuscivano a capacitarsi di cos’ero diventato
I rivoluzionari aspettano
Di ottenere la mia testa su un piatto d’argento
Solo un pupazzo appeso ad un’unica corda
Chi mai vorrebbe diventare re?

Sento le campane di Gerusalemme suonare
I cori della cavalleria dei Romani cantare
Siate il mio specchio, la mia spada e il mio scudo
I miei missionari in terra straniera
Per un qualche motivo che non so spiegare
So che San Pietro non chiamerà il mio nome
Mai una parola onesta
Ma era quando dominavo il mondo

Senti le campane di Gerusalemme suonare?
I cori della cavalleria dei Romani cantare?
Siate il mio specchio, la mia spada e il mio scudo
i miei missionari in terra straniera
Per un motivo che non so spiegare
So che San Pietro non chiamerà il mio nome
Mai una parola onesta
Ma era quando dominavo il mondo.

e qui c’è il link al video

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy