Rispondi a: Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …

Home/Il Forum della Schola/Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …/Rispondi a: Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …
m_rosa
Partecipante
Post totali: 399

Anche io pensavo di postare questa canzone, ondina, grazie, è bellissima, è un inno alla Vita e all’amore, dunque alla Miriam. Riflettevo su quanto dicevi a proposito del post di tulipano, a cui li per li non avevo pensato. In questo periodo di difficoltà, in cui i pensieri continuano a girare su se stessi, finirà la pandemia, non finirà, potremmo tornare ad incontrarci, non potremo, ecc., quello che ci serve è proprio superare questa empasse e farlo attraverso le emozioni è, probabilmente la chiave giusta. Affidarsi ad una canzone, a dei versi, a un’immagine e lasciar fluire, dal cuore alla pelle, quanto di più bello abbiamo, ci fa palpitare il cuore, ci riempie d’Amore. Vorrei cantare con tutti voi, come qualche volta è successo.
Riporto la traduzione della canzone:
Grazie alla vita che mi ha dato tanto
Mi ha dato due occhi, che quando li apro
Distinguo perfettamente il bianco dal nero
E in alto nel cielo il suo fondo stellato
E tra la moltitudine l’uomo che io amo

Grazie alla vita che mi ha dato tanto
Mi ha dato l’udito che in lungo e in largo
Registra giorno e notte, i grilli, e canarini,
Martelli, turbine, latrati, acquazzoni
E la voce tanto dolce del mio amato

Grazie alla vita che mi ha dato tanto
Mia ha dato il suono e l’abecedario
Con le parole che penso e declamo
Madre, amico, fratello, e luce che illumina
Il cammino dell’anima di chi sto amando

Grazie alla vita che mi ha dato tanto
Mi ha dato il passo dei miei piedi stanchi
Con essi sono andata nelle città e pozzanghere
Spiagge e deserti, montagne e pianure
E a casa tua, nella tua via e il tuo cortile

Grazie alla vita che mi ha dato tanto
Mi ha dato il cuore che batte forte
Qundo vedo il prodotto del cervello umano
Quando guardo il bene molto lontano dal male
Quando guardo in fondo ai tuoi occhi chiari

Grazie alla vita che mi ha dato tanto
Mi ha dato il riso e mi ha dato il pianto
Così distinguo la cuccagna dalla rovina
Le due materie che formano il mio canto
E il canto vostro che è il mio stesso canto
E il canto di tutti che è il mio proprio canto
Grazie alla vita che mi ha dato tanto

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy