Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE
tanaquilla9
Partecipante
Post totali: 587

Il punto secondo me non è la libera scelta se fare o meno il vaccino che è sacrosanta. Qui si discute sul rispetto per l’essere che la Schola ci insegna, che sperimentiamo ogni giorno e cui non possiamo mai abdicare. Ognuno farà come meglio ritiene. Secondo me è Angelo che ha centrato la questione. A fronte della somministrazione del vaccino bisogna essere informati dal proprio medico di base o da altro, in relazione alle proprie patologie, se è conveniente o meno, quali sono le eventuali controindicazioni e quali i sintomi precisi cui fare riferimento in caso di somministrazione. Perché è stato chiarito che seppure i benefici superano i rischi degli effetti collaterali, questi ultimi anche se rari, nn vanno dimenticati.
Il paragone coi farmaci che abbiamo in casa, accompagnati da bugiardini da far rizzare i capelli, non vale perché lì siamo informati e ci assumiamo l’eventuale rischio consapevolmente e, conoscendolo, possiamo valorizzare il farmaco perché non noccia.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy