Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE
kridom
Partecipante
Post totali: 144

wiwa70, ma certo che la pastiera c’è anche per te! come dice la canzone: aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più 🙂


@Angelo
, il rispetto della vita è una cosa che dobbiamo cercare di avere tutti noi, e noi Miriamici ancor di più per il cammino che liberamente abbiamo scelto, concordo con te pienamente. Parimenti, il maestro Kremmerz ai fratelli che partirono per la prima guerra mondiale diede un talismano per proteggerli dalla morte in battaglia, suppongo che alcuni di quei fratelli abbiano dovuto imbracciare un fucile e abbiano svolto il loro dovere, sebbene non sarei mai voluto essere al loro posto per un compito così spiacevole. Allo stesso modo, nella prima ondata della pandemia, molti medici rianimatori hanno dovuto scegliere chi mettere in terapia intensiva e chi no, e anche lì non sarei voluto essere al loro posto. Se ne potrebbero fare altri di esempi, compresi altri farmaci che sono autorizzati ma possono avere effetti collaterali fatali, ma il tema è che chi deve fare delle scelte deve considerare i costi e i benefici. E’ facile scegliere solo nel caso in cui ci siano benefici ma non ci siano costi, ma non è sempre così. In questi casi, come ci si comporta?

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy