Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE
Buteo
Partecipante
Post totali: 178

(1) Sul Forum si è manifestato interesse verso i monoclonali, per il loro utilizzo sia contro i tumori sia nella terapia del Covid-19. Rappresentano una delle importanti conquiste in campo medico, spesso avvolte in un alone mistificatorio, frutto probabilmente di uscite sensazionalistiche sulla stampa generalista. Per liberarsi da possibili illusioni, nel tentativo di coglierne le potenzialità attuali e future, penso siano utili alcune premesse sul meccanismo d’azione del sistema immunitario, al quale comunemente si attribuisce il ruolo di difesa dell’organismo dalle infezioni. Ruolo importante sì, ma riduttivo.
Sappiamo che tutto ciò che vive è accomunato dalla capacità di replicare se stesso e dalla capacità di riparare da sé i danni subiti: questa è l’importante funzione del sistema immunitario e, scusate se è poco! Non solo difesa dalle infezioni, dagli agenti estranei, da tutto ciò che è riconosciuto non-self, ma intervento su danni di qualsiasi natura, entità, complessità o in qualsiasi sede si verifichino.
Abbiamo scoperto il sistema immunitario avendo indagato gli eventi che seguono a un’infezione, cioè all’ingresso di microrganismi estranei. Il campanello d’allarme che dà il via è il danno che si crea, sia che si tratti di virus o batteri nelle vie respiratorie, sia di un grave politrauma da incidente stradale. È il danno, microscopico o destruente di parte dell’organismo, purché ancora compatibile con la vita, ad attivare gli attori della ‘risposta infiammatoria’, gli stessi che s’identificano nella risposta ‘immunitaria innata’.
Se consideriamo che la prima nostra difesa sono le barriere fisico-chimiche: cute che ci riveste, mucose, epiteli, secrezioni, enzimi e microflora che popola cute e mucose (naso-faringe, intestino, ecc.), possiamo comprendere come, in una qualsiasi ferita, il danno immediato non risulti solo nella lesione diretta, ma anche nel contatto o penetrazione di agenti estranei, come polveri, microbi, parassiti, sostanze tossiche, materiali vari. A intervenire sono le cellule della serie bianca dei globuli ematici: granulociti, monociti e macrofagi, linfociti natural killer, cellule dendritiche, ecc. Sono cellule mobili, accorrono, entrando e uscendo dai vasi, e causano quella che chiamiamo ‘risposta infiammatoria’, che altro non è che la ‘risposta immunitaria innata’, che elimina gli intrusi, rimuove i tessuti danneggiati, morti o anomali (tumorali) e avvia i processi di riparazione. Cellule con recettori per tratti comuni a molti microrganismi (ad es. il polisaccaride su pareti batteriche) li agganciano per inglobarli e digerirli, cioè distruggerli nel proprio citoplasma. Altre ne rielaborano frammenti per esporli sulla loro superficie e presentarli ai linfociti coinvolti in quella che chiamiamo ‘risposta immunitaria specifica’, che si attiva subito e contemporaneamente, ma i cui effetti si manifesteranno in 3-5 giorni; altre legano sostanze inerti. Secernono citochine, interferoni ecc., fattori che richiamano ancora cellule in rinforzo, con ulteriore liberazione e attivazione di sostanze, responsabili dell’aspetto ‘infiammato’ delle zone lese, macroscopicamente arrossate, gonfie, dolenti, calde, con sanguinamento in caso di lesione aperta, secrezioni e anche pus. La reazione infiammatoria è la prima attivazione verso la guarigione. Risposta infiammatoria acuta e risposta immunitaria innata sono 2 modi di nominare la stessa funzione: a seconda del tipo e della causa del danno, prevarranno alcune modalità su altre. Il fine sarà sempre il ripristino dell’integrità, se possibile, e l’eliminazione di tutti gli agenti estranei. È un sistema perfettamente funzionante già alla nascita e procede secondo uno schema ‘collaudato’, praticamente sempre uguale.
Per facilitare la lettura, suddividerò l’argomento in più post e in tempi diversi.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy