Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home Page Forum Il Forum della Schola LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

m_rosa
Moderatore
Post totali: 279

Si, è proprio così, di fronte ad un evento doloroso/traumatico la prima reazione è la negazione, poi avviene la ricerca di un medico/rimedio, che sicuramente esiste e che può risolvere il problema, poi c’è la depressione e solo dopo, a vari livelli, l’accettazione e, da qui in poi, inizia il percorso, quello vero, che porta i suoi frutti concreti.
Mi chiedo se per noi miriamici sia proprio così. Non voglio dire che siamo marziani… però qualcosa di diverso ci deve essere. Per esempio un atteggiamento più pragmatico e meno fatalista, sicuramente! La consapevolezza che il nostro corpo non essendo eterno può andare incontro a un certo deterioramento, la consapevolezza che il Mondo non ruota attorno a noi e che però quell’atomo che siamo ha la sua enorme importanza, se ben tenuto, e ben “lavorato”.
E la certezza che nel momento in cui, individuata la causa del male, iniziamo un percorso, e che da quel momento iniziamo a guarire, e che a volte non basta una vita. Sarebbe bello se qualcuno di voi volesse raccontare una esperienza in questo senso.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy