Rispondi a: La foto del secolo: il buco nero

Home/Il Forum della Schola/La foto del secolo: il buco nero/Rispondi a: La foto del secolo: il buco nero

Home Page Forum Il Forum della Schola La foto del secolo: il buco nero Rispondi a: La foto del secolo: il buco nero

Buteo
Partecipante
Post totali: 146

Una quindicina o più d’anni fa, una gattina grigia dalla pettorina bianca partorì 3 gattini neri nel retro del mio studio. Misi crocchette e acqua e decisi che, se avessero voluto, avrebbero potuto vivere lì in libertà, gironzolando fra cortili e tetti dei vicini. E poiché la zona era frequentata da gatti e gattoni, pensai che, se i parti si fossero ripetuti, si potessero creare discussioni coi vicini, o, forse, avrei faticato io a tenere il passo. Così a uno a uno li catturai per farli, anzi farle, sterilizzare, perché il veterinario vide che eran tutte gattine.
Negli ultimi tempi di gatti in giro ne vedevo pochi, così fui felice quando vidi 2 batuffolotti dal pelo lungo sfuggir via dai miei due cani. Uno era bianco rosa e nero, quindi femmina, e verso la fine dello scorso inverno fu molto corteggiata e in primavera aveva un bel panciotto. Ma non sopravvisse al parto e quando vidi corteggiare quello che avevo immaginato fosse il fratello, recuperai una gabbia-trappola e la feci sterilizzare. Anche lei troppo bella, ma troppo esile per i gattoni che qui girano, non sopportavo che come la sorella morisse al parto. Eppure, quando la liberai, sentii che quel volerle salvaguardar la vita le aveva rubato il senso della stessa. Così, in febbraio gironzola qui una gattina bianca e grigia in compagnia di quello che aveva l’aspetto d’esser un maschio. È giovane, è carina, anche lei mostrerà poi un panciottino. Mettevo già da tempo crocchette e acqua dietro casa, dove i cani non arrivano. Ieri era lì, con due pelosetti che si rincorrevano, uno quasi tutto bianco e uno come lei grigio. Curava loro e guardava me. Non so perché, mi è venuta in mente la storia che ci hai raccontato, Garrulo1, della ‘salvata’. Dentro di me le dissi stai pure qui coi tuoi bambini, non toccherò né te né loro. Non interferisco nella tua e nella loro vita. Continuo a mettere acqua e crocchette, se vi va, venite. Ne mangeranno gli uccelli, i ricci penso non ci siano più, troppo aggressiva è stata la mia cagna. Forse ci sono altri animaletti che non vedo. E lì ci sono anche le cuccette, se volete.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy