Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home Page Forum Il Forum della Schola LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

garrulo1
Partecipante
Post totali: 324

Leggo dai post di questi giorni più di un richiamo all’umiltà, a cui fa cenno Alef definendola “dote fondamentale”. Il Maestro Kremmerz, praticamente in quasi tutti i suoi scritti, ha messo in evidenza il vero nemico naturale dell’uomo, che in natura è al massimo scalino dell’evoluzione e se vogliamo della catena alimentare, ma esattamente come le altre specie che gli sono ovviamente subordinate, ma delle quali tutte hanno un nemico extraspecifico, leoni compresi che hanno per unico nemico proprio l’uomo, per l’essere umano invece il nemico naturale è dentro di sé, enfuso, ed il Maestro lo indicò nell’orgoglio, definendolo poi anche con parole diverse quali la vanagloria, il piacere di parere e non essere e così via. Lucifero cadde per orgoglio o meglio ancora per la superbia di ambire oltre le sue potenzialità, ci ricorda il Maestro nella Porta Ermetica “Quomodo coecidisti de coelo, Lucifer?”, definendo, mi par di capire, la componente orgoglio come “peccato di origine”. Sempre nella Porta Ermetica, qualche pagina prima il Maestro ci ricorda:” La lotta per l’esistenza, gli errori volontari, le necessità imposteci dalla grande società in cui si vive, spesso ci opprimono. Non avendo saputo o potuto scegliere l’ambiente di pace, non potendo e non sapendo rinunziarvi perché i nostri errori dobbiamo espiarli ad uno ad uno, bisogna agire su di esso per modificarlo con pazienza, coll’esempio, con la tenacia”. La tendenza generalizzata nella società moderna, ma credo anche in quelle che ci hanno preceduto salvo forse pochissime eccezioni, di mettere la testa sotto l’ala per andare oltre e campare il meno peggio possibile, è vero che risponde ad un meccanismo di difesa naturale della mente che “vuole” evitare qualunque forma di sofferenza psichica ma anche fisica, ma un percorso progressivo verso una espansione della Coscienza non può ammettere contrazioni o luoghi comuni. Gli errori sono all’ordine del giorno, bisogna riconoscerli e farsi aiutare a riconoscerli, ed a proposito dell’orgoglio, definito all’inizio del post nemico naturale sempre in agguato, ho enne volte constatato che preso regolarmente a calcioni in area lombo-sacrale dove “non batte il sole” per buttarlo fuori dalla porta principale, questo, quatto quatto, quasi istantaneamente, tenta regolarmente di rientrare dalla finestra, per poi, non appena me ne accorgo, dover rifare la stessa cosa, e via di questo passo, o meglio, con questi calci!!!
Ancora un buon sabato a tutti i naviganti

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy