Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home Page Forum Il Forum della Schola LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Mercurius3
Partecipante
Post totali: 127

In questo periodo, cosi particolare per cio’ che riguarda le prudenze sanitarie, mi sono soffermata a riflettere sulla fisicità.
Da sempre è stata una forma di comunicazione emozionale: un abbraccio, un bacio, una carezza, indubbiamente hanno sempre costituito un linguaggio, quello comunemente detto non verbale. E questo linguaggio non è meno importante di quello verbale. Ma credo che gli italiani, abbiano sofferto maggiormente, rispetto ad altre società, per il contenimento della sfera fisica. L’abuso della fisicità è certamente italiana, piu’ ancora meridionale. Sembra quasi che senza il toccare, ci sia una parte monca di dare e ricevere. Certamente non ne avranno sofferto gli scandinavi o gli olandesi che non hanno questa prerogativa come ineluttabile.
Fatto sta che ora dobbiamo stare a “metri” di distanza e questo non toccarsi è diventata una regola sanitaria da seguire . Ho amiche che soffrono non per la reale situazione pandemica, ma perché non possono esprimere la fisicità. E mi son chiesta quanto sia importante per me. Credo di aver condiviso in modo piacevole la regola scandinava, e per chi mi conosce quale persona estroversa, parrà strano sapere che a me è sempre sembrato sgradevole, l’esagerazione di questo linguaggio non verbale.
Viene spesso comodamente sostituito alla consapevolezza, mascherando con un abbraccio silenzioso il coraggio. Il coraggio di riflessioni espressive con concetti, con l’essere più maturo. L’essere che manifesta Amore con l’esempio, con le scelte, con la parola, col silenzio, col rispetto. E, come in questo caso pandemico, se si deve contenere il tatto, il non toccare, diventa l’espressione piu’ alta del rispetto per se’ e per gli altri, ed un atto d’Amore verso la salvaguardia della Vita.
Come diceva la mia Signora del cuore “il mezzo e non il fine”.
Non per ultimo mi viene in mente il “nostro” Saluto, simbolico e ricco di una ben altra comunicazione
Noi miriamici credo siamo da tempi remoti, e in tempi avanguardisti , ben oltre le attuali regole governative
Un saluto caro e a ben ritrovarci sugli altri interessanti argomenti di questo Sito

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy