Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home Page Forum Il Forum della Schola LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Angelo
Partecipante
Post totali: 59

Un passo importantissimo del nostr grande Maestro cita: “…Oggi crediamo invece opera altamente civile quella di indicare al popolo un’opera attiva prettamente scientifica, prettamente umana, specificamente antisuperstiziosa. Noi vogliamo far capire che…il pensiero psichicamente inteso è una forza. Non una forza morale che si converte in materiale…ma una forza e un potere in sé e per sé che agisce sulle cose vicine, sulle più lontane, sulle lontanissime – che vi arriva con mezzi di comunicazione visibili o senza mezzi visibili di comunicazione, come nei due telegrafi, con fili o senza. Noi vogliamo concorrere a questa dimostrazione con una applicazione pratica che entri nella categoria generale dei benefici da dare in copia maggiore al popolo migliorato dalla cultura generale e sottrarlo alla superstizione di qualunque origine e additargli la fonte del bene e del male che è la mente umana e fargli intendere come sia elemento principale di ogni idea civile e di interesse principale per tutti che la nostra mente si educhi al bene e la volontà diventi buona volontà, attivamente buona.(C,I,52-54)”, come sottolineato nel post di garrulo1.
Ogni giorno scopro come questa forza dentro di me è in grado di togliere la “ruggine” da meccaniscmi incancreniti dalla ideologie preconcette e insegnate da coloro che dicevano e dicono di avere in mano la Verità. Mi piace pensare che con la nostra forza di Amore e di Bene siamo nella possibilità di cambiare le cose. Non solo dentro di noi, ma per l’intera Umanita. Amore e Bene non possono avere confini e non potranno mai essere fermati, perchè sono parte di tutti coloro che oggettivamente cambiano, magari di poco, ma iniziano un cammino che troverà certamente la sua conclusione nelle vite future, grazie ad un duro lavoro portato avanti con tanta umiltà. Ogni uomo che cambia è una cellula del mondo che si rigenera, che riparte, che si sveglia dal sonno dei sensi. Confido che, piano piano, anche l’intero corpo dell’umanità, e non solo le singole cellule, possano diventare un vero Uno.
Un abbraccio a tutti.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy