Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica

Home/Il Forum della Schola/I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica/Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica

Home Page Forum Il Forum della Schola I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica

wiwa70
Partecipante
Post totali: 226

Mi unisco alla magia dei racconti misteriosi sulle fate e delle emozionanti immagini naturali postate da Mag, condividendo con tutti voi la lettura di un libro intitolato “Il miracolo biologico delle farfalle” del naturalista L. Mateos, che in questi giorni mi sta appassionando molto.”In Natura, il processo di trasformazione del bruco in farfalla è magico ma anche quotidiano. Per compierlo esso affronterà ogni genere di pericolo, fino ad arrivare al momento del cambiamento vitale definitivo. Pertanto sceglierà un luogo sicuro dove costruirsi un solido rifugio di seta(crisalide)e dare inizio ad un processo straordinario ma anche il più traumatico che esista in Natura. Infatti dovrà decomporsi fino a liquefarsi in un ‘brodo proteico’; del suo vecchio esoscheletro resteranno intatti solo il cuore e il cervello; a partire da essi ricostruirà con fatica una nuova struttura più resistente, con lunghe estremità che prima non aveva, occhi per vedere ciò che non vedeva ed ali potenti ed elastiche per poter volare. In questa prima fase del bruco, nulla lascia presagire ancora la sua forma finale,solo un pò il colore…preda facile dovrà crescere il più velocemente possibile(può acquisire una lunghezza venti volte maggiore di quella iniziale)e mimetizzarsi,rendendosi invisibile, fino a trovare un luogo sicuro per compiere la propria metamorfosi”. Mi sono chiesta come deve essere creare qualcosa dal nulla, senza saperne neanche la forma, e cosa guida tale processo…questo processo di Cre-azione può ricordare quello della Pro-iezione, che consente di vedere nitidamente qualcosa ancor prima di realizzarla? Così forse è successo agli artisti rinascimentali che vedevano nella pietra grezza già l’opera finita(Michelangelo)o gli utopisti(T.Campanella) che visualizzavano la Città Ideale o l’Uomo Vitruviano di Leonardo? Proiettare, mi domando, non è forse come lanciare un seme nel futuro e attendere con inesorabile incrollabile fiducia, la nascita del futuro germoglio, avendolo già visualizzato prima? Un caro saluto a tutti i naviganti

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy