Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM/Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home Page Forum Il Forum della Schola ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

tulipano
Partecipante
Post totali: 57

Simpaticissimo Guglielmo Tell, mi hai fatto venire in mente un episodio simpatico vissuto tanti anni fa e voglio condividerlo con voi. Vivo in campagna circondata da noccioli, ci sono passeri, tortore, merli, gazze, upupe e pettirossi quelli che sono riuscita a riconoscere. Il protagonista è mio figlio che tempo fa era un tredicenne.Era estate ed eravamo seduti al balcone ,lui faceva i suoi bravi esercizi di chitarra classica e io lo ascoltavo deliziata. Un passerotto si fermò su di un ramo e cominciò a cinguettare. Mio figlio smise di suonare e cominciò a rispondergli con un fischiettio di eguale cadenza. Il passerotto rispondeva. Mio figlio mi guardò negli occhi come per dire: “mamma hai sentito?” Gli risposi con lo sguardo di continuare, per paura che l’emettere una parola potesse farlo volar via, il passerotto cinguettava e mio figlio rispondeva, la cosa durò per alcuni minuti, fino a quando all’ulteriore cinguettio mio figlio rispose:”What?” Il passerotto, disturbato probabilmente dalla parola, o si sarà sentito incompreso, volò via.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy