Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home Page Forum Il Forum della Schola LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Alef2006
Partecipante
Post totali: 78

Scusate ma solo oggi mi sembra di aver preso consapevolezza di quanto accade (ed è accaduto) in Lombardia: per favore ditemi che sto sbagliando e che il mio giudizio è del tutto polarizzato dallo shock dei numeri delle molte centinaia di vittime che registriamo quotidianamente. Secondo me, chi avrebbe dovuto decidere di isolare totalmente e subito la Lombardia ha preferito subire le pressioni di alcuni gruppi industriali che avrebbero subito gravissimi danni economici dalla chiusura (quella imposta solo oggi). Per di più, e qui sono davvero cinico, qualcuno potrebbe aver pensato che liberarsi di qualche migliaio di “vecchietti” o malati gravi non avrebbe potuto che giovare alle casse dell’INPS ed alla sanità in generale. Oggi, solo dopo che l’Unione Europea ha garantito che pioveranno euro come se non ci fosse un domani per compensare i danni economici generati dal Covid-19, i gruppi industriali di cui sopra hanno deciso di allentare la pressione e finalmente chi ci governa ha potuto attuare le misure restrittive che sarebbero state necessarie un mese fa. Le misure di oggi tuttavia avranno effetto tra 14 giorni, e con 500 morti al giorno il totale delle vittime potrebbe diventare così grande da non poter essere nemmeno immaginato. Secondo voi la mia ricostruzione ha senso oppure è solo una dietrologia da malpensante?

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy