Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home Page Forum Il Forum della Schola LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Daniel56
Partecipante
Post totali: 21

Condivido il quesito di Gelsomino con alcune considerazioni “storiche” perché guardando il passato credo si possono ipotizzare scenari ragionevoli.
Nel XIII secolo la peste infuriò in Europa a più riprese tra il 1250 e il 1300, praticamente dimezzandone la popolazione e innescando, per forza di cose, dei cambiamenti sociali. Nemmeno la Spagnola nel 1918/20 con oltre 50 mio di morti ebbe un impatto radicale sugli assetti sociali. Possiamo pensare quindi che solo la durata e purtroppo il numero di vittime fanno di una epidemia uno spartiacque da sé nella Storia. Peraltro i cambiamenti di “paradigma” sono il risultato di concause a cui manca l’innesco per dispiegarsi, cioè deve esserci un “Punto Critico” da superare e che diventa catalizzatore. Potrebbe essere questo il caso? Non lo so e ho letto invece molte ipotesi “millenaristiche” su cambiamenti epocali post epidemia. Mi sono sembrati solo personali “desiderata” senza alcun sostegno né scientifico né sociologico degni di nota. Per ora la penso come Holvi49 anche perché non abbiamo diversi elementi di valutazione. Come scrisse N. Bohr, “Fare previsioni è difficile, specie se riguardano il futuro” e gli Astri faranno il loro corso, a noi di restare uniti in catena. Un fraterno abbraccio.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy