Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

ippogrifo11
Moderatore
Post totali: 141

Voglio condividere una notizia appena appresa: un gruppo di ricercatori dell’Istituto di Candiolo in Piemonte, da tempo impegnati nella ricerca sul cancro, ha pubblicato sulla rivista Science un articolo nel quale si afferma che, analogamente ai batteri che sono in grado di sviluppare resistenze agli antibiotici, anche le cellule tumorali, per effetto della stessa terapia, che mira a impedirne la riproduzione incontrollata, evolvono modificando il proprio corredo genetico così da sfuggire all’azione delle terapie e riproporre la propria aggressività come avviene nel caso delle recidive.
Questa condizione, chiamata “mutagenesi adattativa”, starebbe a dimostrare, una volta di più, che DNA cellulare e ambiente, in questo caso l’ambiente stesso della cellula, sono in stretta interazione e che il DNA è in grado di autoriprogrammarsi per opporre resistenza all’ambiente diventato ostile alla sua sopravvivenza e riproduzione.
L’articolo mi ha fatto riflettere sulla tendenza innata della vita a difendere sé stessa e la propria capacità di riprodursi, indipendentemente dalla direzione in cui questo avviene. Nel caso della cellula tumorale la vita appare tutta e soltanto confinata nell’ambito della stessa cellula, avulsa cioè dalla sintesi vitale e unitaria dell’organismo preso nel suo insieme: perduta la coscienza del tutto, il fenomeno vitale si riduce e si esaurisce nella sfera circoscritta della realtà individuale, dunque sciolta dal principio ordinatore e funzionale che tiene insieme, compenetrandole, tutte le cellule dell’organismo. In definitiva si tratta, così mi pare, della perdita da parte della cellula tumorale, dell’equilibrio e della finalizzazione insita nel principio vitale dell’organismo di appartenenza e col quale, evidentemente, non è più in relazione. A questo punto, però, mi resta la domanda: perché la cellula a un certo punto perde tale contatto? E come fare per riportare la cellula all’equilibrio primigenio? La Terapeutica Ermetica va ad agire proprio in questa direzione?
Scusate, avevo detto una domanda e in realtà me ne sono ritrovato tre.
Una buona serata a tutti.

  • Questa risposta è stata modificata 11 mesi, 3 settimane fa da ippogrifo11.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy