Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM/Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home Page Forum Il Forum della Schola ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

garrulo1
Partecipante
Post totali: 325

Le considerazioni di Ondina legate alle proprietà terapeutiche dell’elemento acqua che tutta la Natura permea, le sue possibili caratteristiche di accumulo e ritenzione magnetica di cui la Scienza di Masaru Emoto ha in parte messo a fuoco, mi portano ad esprimere un pensiero che più che altro è un augurio. Ogni Sacra Fonte ha determinate proprietà terapeutiche, quelle che agiscono sulle ossa, quelle sulle vie urinarie, altre sui visceri o ancora sull’apparato riproduttivo sia maschile che femminile e così via (e per essere il più possibile imparziale si potrebbe inserire …….. per chi ci crede), aggiungendo però che in luoghi diversi e distanti tra loro, potrebbe verificarsi che il magnetismo tipico di un determinato posto vada poi ad influenzare le caratteristiche di una determinata fonte. L’augurio cui prima ho accennato, sta nella speranza che la scienza che inesorabilmente avanza nelle sue innumerevoli scoperte, metta a fuoco con specifici strumenti misuratori, la frequenza magnetica (vibrazionale) di una precisa Fonte, alla quale la Tradizione popolare attribuisce una specifica valenza terapeutica, con il corrispondente campo magnetico degli organi fisici o sistema organico interessato, certificando di fatto, se così fosse, una precisa correlazione o meglio corrispondenza tra due frequenze o moti vibrazionali. Il dubbio che così sia mi resta, ma non ho strumenti nè competenze scientifiche per affermarlo.
Con l’augurio a tutti di una buona serata

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy