Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM/Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home Page Forum Il Forum della Schola ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

garrulo1
Partecipante
Post totali: 325

Fa riflettere non poco la chiave analogica che Catulla ci presenta nel post del primo aprile. Già, tutta la fauna ittica vive appunto in acqua, lì si nutre, lì si moltiplica, lì respira. Però, ogni specie, secondo le proprie caratteristiche genetiche e morfologiche, a fasi alterne monta verso la superficie, si eleva a volte fuori dall’acqua con faticosi balzi, oppure, come accade nelle specie più evolute e quindi dotate di un diverso quid di intelligenza, ad esempio i cetacei o mammiferi marini, salgono per forza di cose in superficie per fare il pieno di aria e poi continuare la vita subacquea. Tra l’altro, questo Ordine di Mammiferi presenta, nelle varie famiglie, sistemi di comunicazione interattiva, regole sociali finalizzate alla funzionalità della vita di branco, davvero eccezionali. Quindi, i più evoluti tra i pesci, i cetacei appunto, hanno pertanto sviluppato caratteristiche organiche adatte ad affacciarsi alla vita anche nella dimensione aerea, potendo tra l’altro nuotare in superficie per lunghi tratti, cosa impossibile per le altre specie ittiche. Allora, man mano che l’essere umano evolve, può acquistare quella capacità di muoversi anche in una dimensione più “raffinata e sottile”, irraggiungibile senza però un progressivo percorso di purificazione di mente e corpo, tutt’uno (monos), in una visione unitaria dell’essere umano. D’altronde, siamo in aprile, mi dilungo ancora un attimo sul Simbolo del Pesce: questo geroglifico, indicante la figura di Cristo, si ritrova in più modi nelle catacombe romane. In greco Ictis – pesce, ma come ci ricorda il Maestro Kremmerz nella Scienza dei Magi, Volume 3°, Pagina 545, “Ictis parola di 5 lettere o punte come la Stella dei Rosa Croce, come il pentacolo cabalistico adorato dai re magi”. Forse, un obiettivo da raggiungere.
Un caro saluto a tutti i naviganti, ovviamente in superficie, siamo in tema.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy