Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM/Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home Page Forum Il Forum della Schola ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

ippogrifo11
Moderatore
Post totali: 141

Hai ragione, carissima Mercurius3, l’essere Miriamici è una condizione, un modo di essere permanentemente disponibile a crescere, a rendersi permeabile al senso dell’etica, della giustizia, del bene disinteressato. Si tratta di una condizione che, per il nostro essere in itinere, è essenzialmente un anelito, una tensione costante verso un Ideale che tuttavia ci chiede riscontri e verifiche quotidiane, oltre all’esercizio di quella terapeutica ermetica la cui sperimentazione è vincolata alla più assoluta mancanza di aspettative di ritorno sul piano personale, se non la consapevolezza di agire per il Bene… Come è lontano tutto questo dai vagheggiamenti e dalle suggestioni di un occultismo rancido e torbido, tutto e soltanto volto ad alimentare ego ipertrofici e smanie ossessive di apparire ciò che non si è. Chissà se chi viene a visitare il nostro sito, leggendoci e non facendo parte della Miriam Ortodossa, riesce a percepire l’essenza autentica dell’Ecce quam bonum et quam iucundum habitare fratres in unum! Chissà se si pone domande e quali domande si pone! Chissà quali pensieri gli attraversano la mente: pensieri forse rapidi e fuggevoli come è forse rapido e fuggevole il suo sostare fra noi? Chissà quali sono i timori, o magari le prevenzioni, che gli impediscono di interagire con noi in un dialogo franco, aperto, anche per solo amore di contraddittorio!
Purtroppo, non avendo per ora risposte, non possiamo che proseguire nel nostro dialogo con lo stesso approccio col quale ci accingiamo all’esercizio della terapeutica ermetica: la consapevolezza di agire per il bene, anche se talvolta può apparire che ci si muova all’interno di una gabbia dorata. Che dorata non è affatto… e tanto meno è gabbia!
Un caro saluto a tutti i naviganti, a quelli con bussola e a quelli che ne sono privi e che guardano alle stelle per cercare l’orientamento giusto!

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy