Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM/Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home Page Forum Il Forum della Schola ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Lunare
Partecipante
Post totali: 2

Scusate il ritardo, ma anche se la discussione è andata ben oltre e gli argomenti trattati sono mutati, voglio esprimere il mio pensiero, che implica anche qualche domanda, su quei siti e quei filmati su youtube che denigrano la nostra Schola ed il Maestro Kremmerz e che danno mirabolanti suggerimenti sul come evolversi ipso facto “per grazia ricevuta” o con l’uso di spry miracolosi. Spero che lo spry contenga almeno acqua di Lourdes. Ma, tornando seri, mi chiedo che se nulla accade per caso e se dietro a quegli autori c’è comunque uno spirito che è in crescita e, seppure in maniera latente, aspira alla Luce, come può accadere tutto ciò? L’esistenza di queste cose non ha, in qualche maniera, un suo motivo d’essere? Per esperienze personali posso affermare che l’essere passato attraverso una pseudo accademia Kremmerziana senza contatti diretti con il Centro Operante od altro, mi ha fatto conoscere il Maestro e la sua opera lasciandomi, quando è implosa, un gran senso di vuoto che mi ha spinto a cercare altrove. Anche la seconda esperienza, con i Martinisti, mi ha lasciato deluso e con un gran senso di solitudine e sconforto. Cosi’, cercando quel qualcosa che si era impossessato di me e che era diventato imprescindibile, sono approdato alla S.P.H.C.I. E’ stato un lungo peregrinare che però mi ha, in qualche modo, fortificato e determinato. Forse il mio Spirito non era ancora pronto per arrivare alla vera ed unica Schola? Possono servire queste cose per allontanare i curiosi, i dubbiosi, i miracolisti e tutti coloro il cui Spirito non è ancora in condizioni di sedere positivamente e fattivamente alla mensa imbandita dal Maestro Kremmerz, mentre servono come tappe di avvicinamento od a fortificare chi ne è vicino? Al “prossimo giro” spero di arrivarci direttamente senza sprecare più tanto tempo ed energie. Ma forse, in questa vita, era quello che dovevo fare.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy