Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

mandragola11
Partecipante
Post totali: 290

…per giungere sempre allo stesso punto centrale e cioè la visione unitaria della persona!
Perciò penso, BELL, che più di tutti noi profani alla medicina bisogna che proprio voi medici tendiate a una visione unitaria e sintetica delle patologie e della salute.
Una considerazione in merito all’uso della saliva del serpente: forse che nella tradizione richiamata da Kremmerz, egizia, poi greca e quindi romana, ci si riferisca ai serpenti non velenosi e quindi con la sola saliva?
Nella tradizione italica, restano ancora oggi gli echi di culti agro-pastorali legati ai serpenti, ma non velenosi, come ad esempio nella festa di Cocullo, in Abruzzo nella regione della Marsica antica, dove i primi di maggio i serpari (considerati come sciamani) vanno a prendere serpenti non velenosi, bisce, cervoni, colubri, lattari, ecc., per darli ad ogni abitante, compresi i bambini, per portarli in processione attorcigliati intorno alla statua di San Domenico, con vari scopi terapeutici e di fecondità di persone e luoghi (questa pratica marsicana di trattare i serpenti è riportata anche da Plinio,Storia Naturale VII, 14). Negli stessi luoghi è stata rinvenuta una statuetta ad Angizia, una delle Signore degli Animali italiche che aveva un tempio a Luco dei Marsi, la quale tiene un serpente nella mano sinistra. Anche nella tradizione contadina resta l’idea di un uso pratico benefico dei serpenti non velenosi che spesso sono addomesticati.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy