Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

BELL
Partecipante
Post totali: 71

Interessante e utile il post di Mandragora con il riferimento al quaderno della Giuliana in cui c’è un capitolo dedicato alla figura del Serpente che, appena possibile, mi riprometto di approfondire.
Altrettanto interesssante è la domanda che si pongono Gelsomino e Tanaquilla e che spesso mi sono posto anch’io, non solo a proposito degli studi sui Pitoni Birmani, in tutti questi mesi grazie alle stimolazioni di questo Forum.
Il Maestro Kremmerz tramite le Lunazioni ( v. Post del 18 Dicembre u.s.) e la nostra Schola di Terapeutica Hermetica ha sempre asserito la possibilità di una rigenerazione cellulare, degli organi, dell’essere e più in generale di tutto ciò che ci circonda visto nell’ottica dell’Unità.
Nel post sulle Cellule Staminali (v. Post del 08 Dicembre u.s.) con le relative sperimentazioni, con tutti i limiti di una scienza di laboratorio, avevamo già accennato che molti studi recenti riservano sempre maggiore attenzione ai processi rigenerativi come Terapia per molte malattie.
Gelsomino e Tanaquilla si domandano perché i Pitoni Birmani hanno mantenuto questi meccanismi rigenerativi e i mammiferi, a cui appartiene l’essere umano, gli hanno in gran parte perduti; io penso che più si sale nella scala animale e quindi in teoria aumentano le potenzialità dei processi intellettivi, emozionali e comportamentali più facilmente ci sì può allontanare da quella che è la finalità specifica naturale di quell’essere e ciò comporta un blocco di certe sue prerogative. In parole povere se analizziamo la Filogenesi evolutiva dell’essere umano dalla preistoria in poi ci accorgiamo che è passato attraverso mutamenti strutturali e quindi genetici dettati in parte da necesstà di adattamento a variazioni di condizioni ambientali ma anche dettate da cause comportamentali che hanno portato alla perdita o meglio al blocco di certe sue funzioni.
D’altronde, se andiamo a vedere bene,non si può certo dire che, al momento attuale,la finalità principale per l’essere umano sia quella di raggiungere uno stato di salute inteso nel senso più completo del termine attraverso un processo dì rigenerazione che comunque a questo punto senza gli strumenti necessari vedo impossibile da realizzare con la sola volontà.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy