Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

giuspino
Partecipante
Post totali: 8

La notizia riportata da Wiwa70, a proposito dei batteri che si nutrono di metalli tossici producendo oro, mi ha riportato alla mente una riflessione che, parecchi anni fa, ragazzo, mi portò a porre un quesito a uno degli adulti del mio entourage: “in fin dei conti le sostanze inquinanti sono anch’esse di origine naturale, perché non c’è altra origine. Perché dunque dovrebbero inquinare?”. Mi fu risposto, ovviamente, che quelle sostanze non erano più nel posto giusto, erano state “spostate” dalla loro sede naturale. Oggi, alla luce di quanto accennato da gelsomino e approfondito da fleurdelys, capisco il senso profondo della mia domanda ingenua di allora, alla cui base si colloca l’intuizione dell’unicità della Materia. Materia che (senza voler per questo, in nessun modo, giustificare l’inquinamento ambientale) evidentemente possiede in sé l’intelligenza per rigenerarsi, trasformarsi, riequilibrarsi. E questo è confortato da altre recenti scoperte: è di qualche tempo fa la notizia della scoperta, da parte di un team giapponese, di alcuni batteri (ancora loro, i batteri!) che digeriscono la plastica. Per di più, pochi mesi fa, una ricercatrice italiana, operante al cnr spagnolo, ha scoperto un particolare bruco che, anch’esso, mangia la plastica. Sono notizie per me consolanti…chissà che non si possa arrivare, in un futuro non troppo lontano, a dissolvere le enormi isole di plastica presenti negli oceani.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy