Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

catulla2008
Partecipante
Post totali: 177

Mi ricollego a quanto scritto da Gelsomino e Wiwa in merito alle trasformazioni della materia vivente…
Tra il 1876 e il 1883 il biologo tedesco ormai ultra 50enne Albrecht von Herzeele scoperse che le piante sembravano capaci di trasformare, in maniera alchimistica, il fosforo in zolfo, il calcio in fosforo, il magnesio in calcio, l’acido carbonico (punto di incontro tra chimica organica e inorganica) in magnesio e l’azoto in potassio. I suoi scritti vennero ignorati dalla scienza ufficiale fino a quando il fisico francese Pierre Baranger nel 1958 dimostrò che i semi di leguminose, germinando in una soluzione di sale al manganese, portavano alla sparizione del manganese e invece appariva il ferro. Nel tentativo di chiarire meglio i meccanismi insiti nel processo, Baranger scoprì un’intera rete di interazioni collegate alle trasformazioni degli elementi nei semi: fra i dispositori, anche il tempo di germinazione, il tipo di luce necessario e persino l’esatta fase della luna. Sullo stesso tema, Corentin Louis Kervran, membro del Consiglio di Igiene e della Salute della New York Academy of Sciences, nonché della commissione del Consiglio Superiore della Ricerca Scientifica negli anni ’60, giunse ad asserire che “l’errore fatto dalla scienza è pensare che tutte le reazioni negli organismi viventi siano chimiche per natura mentre la materia ha una proprietà finora (nel 1962 cioè) sconosciuta, proprietà che non è né della chimica né nella fisica nucleare”, da cui la spaccatura tra l’animato e l’inanimato andrebbe ricercata a livello nucleare: come una serratura ostinata alla cieca violenza può diventare docile a un’abile manipolazione altrettanto avverrebbe nella manipolazione del nucleo. E aggiunse che i microorganismi sono una concentrazione di enzimi che trasformano gli elementi: non meramente per cattura di elettroni periferici ma per alterazione fondamentale del nucleo, concludendone che andrebbe concepita una scienza nuova distinta dalla chimica. A presupposto delle sue evidenze il fatto che, sebbene l’humus derivi dalla materia organica, un tempo sulla Terra la materia organica non c’era. Dal canto suo, il chimico austriaco Rudolf Hauschka, allievo di Steiner e poi dedito alla cosmesi, arrivò a sostenere che “la materia è il precipitato della vita” quindi “non risultato della combinazione di elementi ma qualcosa che precede gli elementi”. (Pare che lui abbia ripetuto moltissimi degli esperimenti di von Herzeele deducendone che le piante non solo generano la materia da una sfera non materiale ma la “eterizzano” di nuovo: ebbe eco la sua scoperta del sorgere e scomparire della materia in sequenze ritmiche spesso in rapporto con le fasi lunari).
Da ultimo, Peter Tompkins e Christopher Bird dal cui libro LA VITA SEGRETA DELLE PIANTE sono estratte e adattate le brevi note di cui sopra (vedi link)
https://books.google.it/books/about/La_vita_segreta_delle_piante.html?id=arxe_o9QKZwC
menzionano la frase seguente attribuita a Christopher Walczak (attualmente ricercatore del Dipartimento di Biologia Molecolare presso l’Università di Stanford): “l’ ‘oro’ che per secoli gli alchimisti medioevali cercarono di ricavare dal piombo potrebbe benissimo rivelarsi il segreto per ottenere buona salute e lunga vita”.
Ora tutto ciò mi ha fatto ripensare ad alcuni passi della nostra Tradizione.
(S.M. Vol. 2 pag. 307) Se al Caos fosse stato preposto il principio femminile che esiste e presiede alle forme nell’Universo, non vi sarebbero state forme, perché ciò che presiede alla fusione delle sostanze di natura separata è principio femminile cui si dette nome Amore negli esseri a forma umana.
(S.M. Vol. 3 pag. 110) Nell’ermetismo, in cui consideriamo la materia come unica, sempre, perché è cosmica, sia organica che inorganica, differente per tante varietà di aspetto, noi non intuiamo le differenze che per variazione dispositiva di atomi … Così a parte ogni esame anatomico, chimico e fisiologico, il cervello diventa per noi un nucleo dispositivo nei riflessi del magnetismo terrestre, della elettricità terrestre e atmosferica e delle altre forze cosmiche (calore, luce, suono) che direttamente o per rimbalzo riceve…
Non trovate che, come sempre, la scienza ufficiale si muova lungo il filo che conferma le conoscenze antichissime della Scienza Ermetica?

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy