Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica

Home/Il Forum della Schola/I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica/Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica

Home Page Forum Il Forum della Schola I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica

wiwa70
Partecipante
Post totali: 226

Molto evocativa l’immagine portata sui post precedenti, della danza delle Gru e del filo di un gomitolo che viene Magistralmente riavvolto,che richiama l’arte,tutta al femminile, della tessitura…immagine ancestrale che tocca corde profonde e allo stesso tempo, mitica, poiché ricorda l’azione delle Parche( infatti per ricapitolare,si usa ancora oggi l’espressione ‘tessere le fila’) e ancora molto vera in quanto connessa con l’essenza di questo territorio sibillino del Centro Italia(infatti nel Quaderno della Accademia Vergiliana l’aratro\telaio dl Timbro lo ritroviamo)tanto più vera quanto viene raffigurata nei reperti storici e archeologici trovati nel territorio! Anche le immagini dei Volti in Pietra della Matriarchia, ricordati da Mandragola, mi hanno richiamato un’immagine archetipica che ritroviamo in un’opera di Klimt, “Le tre età di Donna” rappresentata nel 1905, periodo di grande fermento, come evidenziato anche nella “Pietra Angolare”,opera che sconvolse l’opinione pubblica del tempo, per il forte impatto suggestivo ed evocativo che riusciva a trasmettere e conteneva in sé. Oggi, casualmente, è una delle pochissime opere dell’autore, conservate in Italia, nella Galleria d’Arte Moderna a Roma, presentata alla Biennale di Venezia 1910 e nel 1911, all’Esposizione delle Belle Arti in Roma, sarà acquistata dallo Stato Italiano per i 50 anni dell’Unità d’Italia, riconosciuta come simbolo rappresentativo della Italicità. Tutto questo ci suggerisce forse che sotto i nostri occhi esiste il Libro della Natura che potrebbe essere compreso attraverso chiavi di lettura analogiche se solo ci mettessimo in ascolto con un po’ di attenzione e con la guida sapiente e amorevole delle Gerarchie?! Intanto potrebbe essere utile, riprendere in mano la suddetta pubblicazione…chissà che non sia fonte d’ ulteriore ispirazione, per riscoprire ,magari, oggi, in un percorso di destrutturazione a ritroso(regressus ad uterum), ciò che ieri ci era passato inosservato! Un caro saluto a tutti

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy