Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Accademia Giuliana
Partecipante
Post totali: 23

Oribasio nacque a Pergamo intorno al 325 d.C. e trent’anni dopo il suo talento medico era tanto conosciuto da valergli il favore del giovane Giuliano non ancora imperatore ma già cesare in Gallia. Allievo di Zenone di Cipro, come quasi tutti i medici della sua città natale, Oribasio era seguace della filosofia greca e della religione pagana che, con Giuliano, cercò di restaurare. Benché la morte del giovane imperatore nel 363 d.C. l’avesse precipitato in disgrazia, Eunapio ci testimonia che il suo talento medico gli valse la stima delle popolazioni germaniche e, di rimando, la ritrovata stima degli imperatori romani successivi a Giuliano: questi infatti, benché cristiani, lo richiamarono in patria con tutti gli onori.
Oribasio seguì Giuliano sino alla fine, combattendo con lui ed essendo presente anche il giorno della sua morte. Come Giuliano iniziato ai misteri eleusini, l’opera di Oribasio ne evidenzia la scuola medico-filosofica che ne ispirò la formazione: era infatti figlio di quella tradizione ispirata alla schola di Galeno secondo cui “il medico deve essere anche filosofo e praticare la logica, la fisica e l’etica”. Monumentali le Collectiones Medicae nate per istanza di Giuliano e a lui dedicate: costituiscono una vera e propria enciclopedia non solo delle conoscenze dell’epoca ma pure delle tecniche farmacologiche e terapeutiche più efficaci. Gli scritti, nel genere di quelli di Plinio il Vecchio, mostrano estratti di vari rimedi a proposito di una medesima patologia, ma soprattutto sono un compendio di conoscenze di botanica, fisica, mineralogia e meccanica.
Per i medici della Schola e per tutti i ricercatori che conoscono il francese e volessero cimentarsi nell’approfondimento, ecco il link delle sue opere tradotte in quella lingua:
http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k28930q/f12.item.zoom
Invece, nonostante i rimandi in tedesco, è in inglese la traduzione di cui al seguente link
https://books.google.ch/books?hl=de&output=html_text&id=M-2km-gwsKQC&focus=searchwithinvolume&q=oribasius

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy