Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

garrulo1
Partecipante
Post totali: 325

D’accordo con il post di Gelsomino del 03 gennaio u.s. sulle onde gravitazionali ed il relativo ritmo, definito non in ultimo in sede di assegnazione del Nobel 2017 per la Fisica, “Respiro dell’Universo”. Tenuto conto, per quel poco che ne ho compreso, che, fin dai tempi di Einstein, tali onde erano considerate dallo stesso scienziato fluttuazioni gravitazionali prodotte da eventi traumatici presenti qua e là in giro per l’Universo, ora misurabili con interferometro progettato dagli scienziati che hanno ricevuto il Nobel 2017. Tali ondate, all’interno del sistema cosmico, alterano le distanze tra le masse che vengono interessate a distanze ed in tempi diversi, in quanto vengono attivate vere e proprie increspature che immagino eteree ora misurabili, o almeno un minimo quantificabili anche se con apparati in fase ancora embrionale, ci ricordano, a mio parere che, un qualunque movimento o moto, da una qualunque parte del tessuto cosmico, ha ripercussioni che si riflettono con modalità vibratoria da tutt’altra parte del Cosmo stesso. E questo è un assioma che negli scritti Hermetici Kremmerziani, compare un po’ dappertutto. Inoltre voglio aggiungere, che parecchi anni or sono, lungi dall’approccio a testi ermetici, mi domandavo quasi regolarmente, quando sentivo una qualche ipotesi su espansione o contrazione dell’Universo, se forse, l’Universo stesso, non facesse registrare, entro un rapporto spazio-tempo da definire, entrambe le caratteristiche descritte, nel senso che, a periodi alterni, tendesse una volta all’espansione e poi alla contrazione, come d’altronde ora, dopo anni di letture e confronti, sono in grado di dire che analogicamente, la Vita si basa su questo duplice meccanismo, presente in tutte le funzioni di base tanto per iniziare dell’essere umano, dal respiro, all’atto riproduttivo, ma anche nel meccanismo istintuale della ricerca del piacere e fuga dal dolore, con partenza dagli organismi unicellulari, protozoi e simili.
Per ora un caro saluto ed una buona serata, con l’impegno di ulteriori approfondimenti sul tema.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy