Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

wiwa70
Partecipante
Post totali: 237

Cogliendo lo spunto di Gelsomino, sull’onda gravitazionale che equivale al respiro dell’universo,e quindi ad un possibile sistema respiratorio, mi chiedevo se quindi nel rapporto tra micro e macrocosmo di cui parlava Bell nella ricerca di possibili corrispondenze, si potrebbe anche dire che l’onda gravitazionale nel cosmo corrisponda alla funzione mitocondriale della cellula in un organismo umano??!!A proposito di mitocondri, una equipe di ricercatori della Columbia University di New York, guidati da alcuni ricercatori italiani tra cui due matematici statistici dell’Università del Sannio(Benevento), hanno identificato il sistema che alimenta i tumori, causato da una importante alterazione genetica che provoca uno dei più aggressivi e letali tumori cerebrali(glioblastoma), che colpisce a tutte le età e il decesso avviene al massimo in un paio d’anni, nonostante chemio\radioterapia e intervento chirurgico, ma anche è stato dimostrato che il meccanismo è presente nel carcinoma di polmone, esofago,vescica,mammella e utero. La novità è aver scoperto come la fusione di due geni in particolare, genera e alimenta i tumori, in quanto scatena un’attività abnorme dei mitocondri, presenti all’interno della cellula che funzionano come produttrici di energia e questo eccesso d’energia fa moltiplicare e diffondere le cellule tumorali e per combattere questo meccanismo, sono in sperimentazione a Parigi farmaci “bersaglio”mirati a inibire il comportamento abnorme dei mitocondri,poiché purtroppo col tempo i tumori diventano resistenti ai farmaci usati; i primi risultati , pubblicati sulla rivista Nature, mostrano che si può interrompere la produzione di energia e di fermare la crescita tumorale. La sperimentazione è in attesa di approdare all’istituto neurologico di Milano….Vista l’importanza della scoperta ci si augura davvero che abbia successo anche se è strano pensare come possa essere possibile che venga eliminata una funzione cellulare così fondamentale per la vita come quella mitocondriale e come potrà mai essere surrogata…chi vivrà vedrà!

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy