Rispondi a: UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

Home/Il Forum della Schola/UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS/Rispondi a: UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

Home Page Forum Il Forum della Schola UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS Rispondi a: UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

wiwa70
Partecipante
Post totali: 227

Finalmente riesco a scrivere! Molto interessante l’argomento sul buio di Eris, mi ha richiamato in primis ciò che è stato scritto sul Quaderno della Vergiliana a proposito degli astri, il cui brillare serve a celarne il contenuto e la parte interna della stella, la cui luce quindi sembrerebbe quasi una protezione\difesa come se fosse una risposta immunitaria del corpo celeste….un po’ azzardata come immagine forse…ma mi ha fatto riflettere sul fatto che probabilmente ogni essere vivente terrestre o cosmico è costituito da un sistema immunitario ognuno per il suo livello o grado..persino una stella?? L’altra immagine relativa alla frase “quando la mente si apre a nuova consapevolezza, non torna più indietro”mi ha richiamato all’immagine della spirale che ad un tratto nel suo movimento rotatorio sembrerebbe quasi allontanarsi di molto dal suo asse ma in realtà raccoglie ogni elemento utile della nostra esperienza per poter prendere la rincorsa e traslare su un piano altro e non solo in un punto ma con tutto il piano…sul sito si parla difatti di Elicoide, simbolo di progresso ed evoluzione. Per quanto riguarda il silenzio,che sto cercando di sperimentare(più che mai prezioso in questo periodo di feste natalizie, e di cui si ha paura talvolta e ci si sente minacciati, tanto da non riuscire a stare in silenzio vicino a qualcuno o a dover accendere necessariamente radio o tv se si è in casa da soli!) sembrerebbe anch’esso una “conditio sine qua non” per sintonizzarsi e mettersi in ascolto nel processo di maturazione individuale senza farsi distrarre da tutto ciò che ci distoglie, momento propizio e ‘gestatorio’ di maturazione del seme nella terra e da cui spunterà il germoglio in primavera; in filosofia la musica viene definita “il silenzio che intercorre tra due note”, come se non ci fossero vuoti ma semplicemente intervalli, necessari a creare un’alternanza e quindi un ritmo magari che ci sintonizzi con la Natura Madre…ma questo periodo dell’anno era anche dedicato dagli antichi Romani al Dio Giano, che ha una faccia rivolta al passato ed una al futuro per fare bilanci e progetti… e quindi auguro a tutti voi una proficua “gestazione”nel buio e silenzio invernale , da cui possa nascere la vera Luce… Un caro saluto

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy