Rispondi a: UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

Home/Il Forum della Schola/UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS/Rispondi a: UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

Home Page Forum Il Forum della Schola UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS Rispondi a: UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

catulla2008
Partecipante
Post totali: 177

Sì, oggi è il giorno del solstizio, il momento in cui il Sole raggiunge la posizione più bassa sotto l’equatore celeste e anche il momento che segna, dopo quasi una settimana di stallo al minimo, la fine della diminuzione della luce. Infatti il tramonto, che in questi ultimi giorni è sempre stato alla medesima ora, da domani comincerà a spostarsi di un minuto in avanti e il giorno, via via, durerà sempre più a lungo.
Come donna, io so che anche la nostra temperatura interna si abbassa e ricomincia a salire una volta avvenuta l’ovulazione: è lo stesso per la Terra in cui il seme, che non vediamo, è preso dal fermento della vita e rompe con l’involucro che lo conteneva per manifestarsi sempre di più.
Noi, immersi in tutti questi cicli di nascita, crescita, morte, rigenerazione, come vediamo fare alla Luna ogni mese, e al Sole ogni anno, abbiamo una umidità radicale che fa fermentare la nostra gioventù e che va attenuandosi dalla maturità alla vecchiaia sempre più sino alla morte. E tuttavia, analogicamente alla Luna, al Sole e al piccolo seme, anche noi crediamo in una rigenerazione dove ciò che chiamiamo “IO” sarà seme di ciò che saremo, piccolo embrione in un utero di donna, bozzolo umano nel sacco placentare.
Così altrettanto noi siamo nella Miriam, grande Madre, contenitore di ogni anelito al Bello, al Vero e all’Utile, nutrice di Salute e di Luce: in LEI ci forgiamo e a LEI aspiriamo ritornare…per ricominciare ancora. Nessuno di noi sa ‘quanto’ sia lungo il filo della candela che chiamiamo “IO”, ma tutti noi miriamici sappiamo di lavorare per riprendere da dove abbiamo lasciato: come tanti piccoli Soli a un nuovo solstizio.
Questa è la consapevolezza che si acquisisce a mano a mano che si pratica e, in fondo, questa è la fede che ci muove. Non fede religiosa ma ‘fides’ come legame che sustanzia le cose sperate e diventa argomento “de le non parventi” (Dante, Comedia, Paradiso XXIV, 64).
Che la Salute e la Luce giungano a tutti gli operatori di buona volontà!

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy