Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

BELL
Partecipante
Post totali: 71

Il bambino alla nascita, per quanto riguarda gli organi di senso e non solo, ha dei meccanismi in potenza che appartengono all’essere umano e che diventeranno capacità effettive solo con il contributo degli stimoli esterni. Il tronco encefalico, il talamo, le aree sensoriali e motorie, il sistema limbico, nei primi mesi di vita sono strutture funzionali ma non mature; dobbiamo entrare nell’ottica che ogni stimolazione che raggiunge, attraverso gli organi di senso, il cervello crea nuove sinapsi o incrementa quelle esistenti o rende la via nervosa più facilmente utilizzabile. Questo avviene principalmente nel bambino dalla nascita ai primi anni di vita ma anche l’adulto mantiene questa capacità plastica. A livello del Cervello per ogni organo di senso abbiamo uno o più centri principali che hanno il compito di ricomporre tutti gli elementi dello stimolo come potremmo fare componendo un puzzle composto di tantissimi pezzi. Ad esempio nella corteccia visiva, durante la lettura la parola è ricomposta partendo dalle varie lettere analizzando dimensioni, tratti orizzontali, verticali curvi, colori, contrasti ecc. La ricerca si è sempre più incentrata nello studio di quelle aree del cervello chiamate “associative” in cui arrivano gli elaborati di tutti gli organi di senso e che sono chiamate associative o di riconoscimento e da cui partiranno gli stimoli che porteranno alla vocalizzazione, alla capacità di una lettura corretta, al movimento, alla manualità, alla grafia ecc. Se porgo al bambino due figure di lettere e gli chiedo di prenderne una il primo passo, tramite l’udito e la visione, è il riconoscimento della lettera che poi mi porgerà; se io chiedo che lettera è quella mostrata, tramite l’udito e la visione, avremo per primo un riconoscimento della lettera poi una nominazione verbale. Inoltre durante la lettura si hanno delle modificazioni vegetative che interessano tutto il nostro organismo come il battito cardiaco, la pressione arteriosa ecc. Oggi si sa che, se le capacità di movimento degli occhi non sono completamente sviluppate e sinergiche, queste possono rappresentare una restrizione anche allo sviluppo del linguaggio. La visione e il linguaggio sono funzioni strettamente collegate tra loro, si aiutano e si sviluppano in modo sinergico. Gli schemi di movimento oculari iniziano a diventare una guida per gli schemi di movimento manuali e quindi permettere al bambino, una volta raggiunto un determinato livello di maturazione, di coordinare il suo corpo; egli può esplorare, i suoi due occhi lavorano insieme per determinare la distanza di un oggetto interessante, permettendogli di avvicinarsi, afferrare ed esaminare l’oggetto stesso.
Questi meccanismi ci fanno capire la complessità dei circuiti che stanno all’origine di quello che noi chiamiamo ”cattiva abitudine” visiva, motoria, olfattiva, fonatoria ecc.; effettivamente tutto ciò che entra attraverso gli organi di senso incide sui centri del riconoscimento e della comprensione comportando un rinforzo di determinati meccanismi oppure può attivare modificazioni di questi circuiti che poi influenzano tutto il nostro essere. Quindi se nutriamo in maniera sempre più costante un riconoscimento finalizzato attraverso le pratiche ripetute della Schola effettivamente la reazione sarà apprezzabile su diversi piani.
Nei prossimi post possiamo analizzare lo sviluppo visivo nel bambino dalla nascita ai primi anni di vita e correlarlo allo sviluppo della vocalizzazione; in questo chiedo aiuto ai Pediatri inscritti alla Schola.
Concludo con una ricetta della cucina povera Italica tratta dal libro del Dott. Buratto che fa bene alla vista e non solo.
QUARTA RICETTA
TAGLIOLINI AI CARCIOFI (ingredienti e dosi per 4 persone)
– 300 g di tagliolini
– 4-6 carciofi ( ricco di fibre, minerali e acido folico)
– 2 tuorli di uovo ( sono una buona fonte di luteina)
– 60g di pecorino piccante grattugiato (ricco di calcio)
– ½ cipolla ( contiene vitamina C e flavonoidi
– ½ bicchiere di vino bianco (contiene flavonoidi)
– 30 g di burro
– 1 cucchiaio di olio
– sale e pepe q.b.

Buona serata a tutti.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy