Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

BELL
Partecipante
Post totali: 73

Dopo, questa interessante discussione sui vaccini, voglio ritornare al tema iniziale e parlare della Degenerazione Maculare Legata all’età che coinvolge, in Campo Oculistico, un numero sempre crescente di persone.
Il dato Epidemiologico, in continuo aumento, è legato, come dice il nome, ad un invecchiamento retinico patologico e quindi all’aumento delle aspettative di vita, ma di recente si è dimostrato che è la patologia oculare che più è legata al nostro stile di vita ed in particolare all’alimentazione.
La Retina è il tessuto Nervoso composto dai Fotorecettori che, una volta impressi dalla luce esterna, producono un segnale elettrico che è trasmesso attraverso il Nervo Ottico al cervello dove è ricostruita l’immagine di quello che stiamo vedendo.
Questa funzione è legata a quella delle cellule dell’Epitelio Pigmentato Retinico sottostante che hanno il compito di consentire il passaggio di elementi nutrizionali ai fotorecettori e nello stesso tempo ne rimuovono le parti invecchiate consentendone un continuo rinnovamento.
La Macula è quella regione centrale della Retina che ha la più alta concentrazione di Fotorecettori ed è deputata alla visione centrale cioè se io guardo un oggetto, il volto di una persona ecc. l’ immagine è elaborata da questa zona che possiamo dire ha un ruolo principe nella visione.
I Fotorecettori e le cellule dell’Epitelio Pigmentato Retinico sono cellule che fino ad oggi non sembrano avere la possibilità di essere rinnovate per cui un’alterazione di questo meccanismo porta alla una morte di queste cellule con una gravissima compromissione della visione centrale per cui il paziente convive con una macchia nera centrale, spesso bilaterale, che lo accompagna in ogni immagine.
Ho usato il condizionale perché gli ultimissimi studi basati sull’utilizzo di cellule provenienti dal liquido amniotico, come accenneremo in seguito, forse smentiscono questo dato.
Nei prossimi post affronterò, spero insieme a tutti voi, il ruolo dell’alimentazione nella prevenzione e cura di questa patologia ricollegandomi anche alla Lunazioni e infine parleremo degli ultimi risultati della ricerca sulle cellule staminali.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy