Rispondi a: un intervento non invasivo: la discolisi

Home/Il Forum della Schola/un intervento non invasivo: la discolisi/Rispondi a: un intervento non invasivo: la discolisi

Home Page Forum Il Forum della Schola un intervento non invasivo: la discolisi Rispondi a: un intervento non invasivo: la discolisi

Fleurdelys
Partecipante
Post totali: 25

Novità per novità!! L’Associazione Italiana del Farmaco ha comunicato che è da poco in commercio un farmaco a base di Evolocumab, un anticorpo monoclonale che blocca la proteina PCSK9. un enzima che riduce i recettori epatici per il colesterolo LDL nel fegato e quindi aumenta la capacità di quest’ultimo di rimuovere il colesterolo dal sangue. Il farmaco è indicato nei casi di ipercolesterolemia familiare e non e di iperlipidemia mista (ipertrigliceridemia e ipercolesterolemia) in associazione alla dieta e alle statine quando queste ultime non sono state sufficienti a ridurre i valori di colesterolo LDL e quindi il rischio di malattie cardiovascolari. Soprattutto nelle forme familiari omozigoti , la somministrazione sottocute una volta ogni due settimane o una volta al mese di evolocumab previene la possibilità di danni vascolari e cardiaci irreversibili. Non ci sono ancora dati sui possibili effetti negativi della terapia che risulta anche essere molto costosa ma credo sia concessa dal servizio sanitario nazionale.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy