Rispondi a: UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

Home/Il Forum della Schola/UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS/Rispondi a: UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

Home Page Forum Il Forum della Schola UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS Rispondi a: UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

wiwa70
Partecipante
Post totali: 226

Sono davvero colpita dalle info sul tema materia\antimateria,e anche se è molto ostico l’argomento e solo per gli addetti ai lavori(nella prima parte,mi sembrava di essere nella fiaba di “Alice nel paese delle Meraviglie”in un posto dove il tempo non esiste e si vive in una realtà parallela!),tuttavia le conclusioni a cui arriva holvie sono invece molto più interessanti e a portata di mano, soprattutto quella parte da cui si deduce che siamo artefici del nostro destino e possiamo determinare il nostro futuro cambiando semplicemente la prospettiva del nostro punto di vista, la quale sembrerebbe persino modificare il concetto canonico di causa ed effetto nella salute e malattia,concetti base della sperimentazione del metodo ermetico della Schola,fondata dal Kremmerz un secolo fa, che sono sempre estremamente innovativi e all’avanguardia. Inoltre sulla caratteristica enzimatica di tunneling di cui è stato detto, per cui “alcune particelle sembrano svanire da una parte per materializzarsi istantaneamente dall’altra”mi ha ricordato il dono dell’ubiquità caratteristica di un mono corporale così purificato da riuscire a manifestarsi in un luogo pur trovandosi in un altro. A proposito del “tempo che va all’indietro”, mi ha richiamato alla memoria che nel Quaderno della Vergiliana, ad un certo punto, si fa cenno a Palazzo Schifanoia e alla consuetudine di molti Signori Rinascimentali di commissionare agli artisti del tempo, intere sale affrescate con segni zodiacali e decani, utilizzandoli con funzione talismanica,e tra le curiosità ancora inspiegate c’era quella della presenza frequente di orologi che funzionavano in senso antiorario…se è vero che se si superasse la velocità della luce si comincerebbe ad andare all’indietro..mi chiedo se gli studiosi e i sapienti dell’epoca ne fossero in qualche modo a conoscenza e avessero intuito ciò a cui oggi la scienza sta tentando di dare un nome!

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy